lunedì 6 giugno 2011

Come perdere Clienti con Groupon

Oggi mi hanno raccontato una storia che merita di essere riportata. S'intitola:

Come perdere clienti con Groupon

Qualcuno ricorda il mio precedente articolo relativo a Groupon? Le considerazioni fatte allora si stanno dimostrando corrette. Lo scenario è di nuovo un centro estetico (non quello dell'altra volta). Questi stipulano un contratto con Groupon per espandere il giro dei clienti (senza leggere prima il mio articolo :-).

Una loro cliente importante viene a saperlo e chiede alla direzione del centro se può avere lo stesso trattamento.
Ovviamente questi non possono che declinare perché l'offerta Groupon è in perdita e serve solamente per acquisire clienti (che poi non si riescono a ritenere - vedi altro articolo).

Risultato: la cliente sparisce e non torna più!

Meditate gente, meditate!

17 commenti:

  1. Ciao Dario, anch'io ne ho scritte e sentite di cotte e di crude su Groupon e sul modello di business applicato cioè il social shopping, non si capisce a questo punto come mai sempre più utenti e commercianti si affidino a groupon e sopratutto come mai ogni giorno nascono cloni e siti sulla loro falsa riga...

    RispondiElimina
  2. Grazie per il tuo commento. Le aziende si affidano a Groupon perchè c'è crisi. E in tempo di crisi si pensa che avere clienti è meglio che avere profitto. Ma non è vero. Lavorando in perdita non si fà che peggiorare la situazione. Riguardo ai commercialisti spesso non capiscono come funzionano certi strumenti. Ascoltano i commenti dei loro clienti e li consigliano ad altri. Come spiegavo nel mio articolo relativo a Groupon, esistono alcuni business che possono trarre beneficio ma per la grande maggioranza di noi è un modello fallimentare. Ogni giorno nascono cloni perchè il business per Groupon invece è fantastico.

    RispondiElimina
  3. Ciao Dario, secondo il tuo ragionamento, che condivido a pieno, il modello di business di Groupon e simili è destinato a fallire nel lungo periodo, visto che prima o poi i commercianti (che di soldi, guadagno e profitto ne capiscono abbastanza) si renderanno conto dell'errore di valutazione e della perdita subita. Allo stesso modo i cloni di un modello fallimentare saranno destinati al fallimento, sempre che, non trovino varianti che migliorino il rendimento del servizio.

    RispondiElimina
  4. Interessante articolo.
    Purtroppo penso che attualmente la maggior parte dei commercianti non si affidi a figure esperte per questi investimenti. Non hanno chi possa fare un ragionamento come hai fatto tu nel tuo articolo.

    Se ne accorgeranno sulla loro pelle e probabilmente non capiranno l'errore commesso.

    RispondiElimina
  5. Noi del settore dovremmo informare correttamente. E' importante che il cliente sia consapevole dei pro e dei contro. Dopodichè deve essere libero di scegliere. Purtroppo spesso stipulano l'accordo con Groupon a causa di una crisi sistemica del loro business e pensavo che riempire il locale equivalga a fare nuovi clienti. Teorema tutto da dimostrare.

    RispondiElimina
  6. e dai...tutto questo pessimismo....e fateli lavorare...non capite niente..Il segreto è un sistema di acquisti collettivi dove tutti guadagnano: guadagna l’acquirente che può comprare prodotti e servizi con sconti che arrivano anche al 90%; guadagna il venditore che vende i propri prodotti ad un gruppo elevato di persone

    RispondiElimina
  7. Si, hai ragione. Il modello in teoria è sensato. In pratica andrebbe corretto per evitare i problemi che molti di noi rilevano.
    Grazie per il commento.

    RispondiElimina
  8. secondo me il sistema social shopping è davvero geniale e non vedo grandi aspetti negativi, il punto è un altro qui sono gli esercenti che si pentono di fare un offerta sottocosto e cercano in qualche modo di boicottare il nuovo cliente groupon ,che viene percepito come "cliente di secondo livello" e questo si riscontra già del primo contatto cioè nella telefonata di prenotazione e poi successivamente nell'erogazione del servizio.Ci vorerbbe un organo di controllo che verificasse meglio questi esercenti poco " onesti". Bisogna partire dal presupposto che grazie ai social shopping l'esercente ha la certezza di avere un cliente nel suo negozio e questo aspetto non è da sottovalutare.Quindi cogliamo il buono di queste nuove forme di consumo on line ma evidenziamo quali sono i margini di miglioramento-

    RispondiElimina
  9. Vola solo chi osa FARLO!

    RispondiElimina
  10. ciao a tutti io o sperimento la promozione di groupon e lo unico che vi posso dire e di stare attenti e leggere bene il contrato che si fa con loro e capire bene le percentuali che apparentemente sono 50/50 ma in totale ti danno il 30 o 20% contando con il iva che poi non la scarichi perche l fattura che ti inviano non sempre corrisponde, e li tutto il gioco, e questo i ragazzi che fanno i rappresentanti non lo capiscono e ne anche lo sanno per ciò e a voi mettere in tavola la trattativa.

    RispondiElimina
  11. Salve Dario, " supponiamo" che un azienda che operi in drop shopping , in migliaia di casi, dietro l ordinazione del cliente non invii a quest ultimo la merce( magari perché le ordinazioni sono troppe e si invita l utente ad aspettare , anche perchè spesso non si pone un limite ai coupon da vendere) , trattenendo, quindi, l importo versato dal cliente stesso per " almeno " 2 mesi. Pertanto, sovente, su 10000 prodotti venduti, in realtà solo 4000 potranno essere spediti dai fornitori. I restanti 6000 clienti, aspetteranno anche 2 mesi fino a che decideranno di chiedere il rimborso. La domanda è la seguente: potrebbe essere che " appositamente" queste società non mettono limiti ai coupon in modo tale chi clienti malcapitati( nell esempio i 6000) ,loro malgrado, lascino il loro importo versato per l acquisto , nelle casse della società che, nel frattempo, matura gli interessi? Puó esserci un nesso tra questa procedura adottata e il fatto di essere quotati in borsa?

    RispondiElimina
  12. Per quanto riguarda il mio settore (edilizia) posso dire di groupon che:
    1) Ti impongono quanto dichiarare (e se ne prendono più della metà)
    2) Non esiste un esclusiva se non la loro
    3) Pensare di avere clienti in questo modo è da suicidio (molti quando avranno ribisogno si riaffideranno a groupon)
    4) Sarebbe giusto che groupon permettesse di rilasciare un FeedBack come Ebay, ma non lo fanno perchè non gli conviene
    5) Ti impongono un esclusiva di 24 mesi, mentre loro ti rilasciano l'esclusiva di un giorno ogni 6 mesi.
    6) Se ti dimentichi di inviare i coupon venduti alla quale hai prestato servizio ... perdi anche la miseria che ti devono.
    7) Sul forum di Facebook hanno il ban facile.

    Sinceramente a chi conviene groupon ?
    Forse ai clienti e a Groupon ... non certo ai venditori!

    RispondiElimina
  13. Groupon secondo me rovina il mercato.
    Ci sono alcuni settori in cui si può lavorare sottocosto e altri in cui è assolutamente impensabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mercato va avanti con la libera concorrenze, è Groupon fa parte di questa.
      Sta ai venditori saper gestire i coupon, fare in modo che questi siano una vendita straordinaria e non la base dei suoi ricavi. Così facendo rendi compretitiva la tua offerta e fai avvicinare clienti che non possono prendere in considerazione i prezzi originari.
      Non si può pensare che un'offerta temporanea mandi in rovina il mercato.
      Al limite, porta in perdita l'azienda. Ma sta all'azienda saper sfruttare il coupon (nel prodotto offerto e nel periodo di vendita) in modo di non avere risultati negativi, ma (anche se di poco) positivi.
      Prima di dare contro ad un nuovo sistema di vendita, pensiamo se siamo in grado di sfruttarlo. O gli si da contro, solo perchè non siamo capaci?!
      Si cerca sempre la strada più facile:
      "Non riesco a sfruttare questo nuovo meccanismo perchè è il meccanismo stesso che fa schifo!" Questo manda in rovina il mercato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  14. Se avevo qualche dubbio.....ora ne ho molti di più.....

    RispondiElimina
  15. Credo che groupon possa servire ad un'attività che sta chiudendo e vuole svuotare il magazzino ma non ad un'attività che vuole restare in piedi.
    Onestamente un ristorante che offre delle cene a meno della metà del valore perde molto come immagine, svalutando così tanto il proprio servizio.
    Inoltre credo che chi ha pagato un prezzo molto basso faccia fatica a tornare per pagare il doppio o forse di più.
    La clientela che cerca le offerte generalmente lo fa perché non vuole o non puo' spendere cifre molto alte.
    Inoltre groupon si tiene quasi la metà del guadagno. Per esempio: se una cena costa 100 euro e la devo proporre a 50 euro (lo sconto deve essere almeno del 50% su groupon), il mio guadagno sarà circa 25 e lo stesso per groupon.
    A questo punto credo convenga fare del volantinaggio. Stampare volantini costa davvero poco. Inoltre, se la mia attività fosse in crisi avrei tempo di portare i volantini in giro...
    Così con l'offerta al 50% il mio guadagno sarà di 50 euro.

    RispondiElimina
  16. "la cliente sparisce e non torna più!"

    Quando lei va a comprare qualcosa al supermercato che fino al giorno prima era venduto a metà prezzo perché in offerta pretende di pagare il prezzo del giorno prima?

    RispondiElimina